MARADONA

Diego ha scelto Paone, e noi abbiamo scelto Diego.

Diego Armando Maradona è ed è stato il più grande calciatore di tutti i tempi. Ed è per questo che lo abbiamo scelto per una pasta da veri fuoriclasse!

Sono tornato per la città e per i tifosi.

I numeri di Diego con il Napoli

Il 5 luglio 1984 Maradona venne presentato ufficialmente allo stadio San Paolo e fu accolto da circa ottantamila persone, che pagarono la quota simbolica di mille lire per vederlo. Nella prima stagione il Napoli raggiunse una posizione di centro classifica, mentre l’anno successivo ottenne il terzo posto. Fu l’inizio del sogno napoletano durato fino al 1991.

0
Presenze
0
Goals
0
Scudetti
0
Coppa Uefa

Diego non Segnava.
Diego esaudiva desideri.

Nel 1986 Maradona vinse i Mondiali in Messico: segnò 5 gol e realizzò 5 assist nelle 7 partite giocate nel torneo (tutte vinte, tranne l’1-1 contro l’Italia nella prima fase a gironi). In particolare, nel corso del secondo tempo dei quarti di finale contro l’Inghilterra, realizza due gol passati alla storia del calcio rispettivamente come «la mano de Dios» e «il gol del secolo»

Maradona si allenava al Campo. In questa foto, il pallone per lui diventa un Totem. Era straordinario vederlo allenarsi.

Giorno in cui il Napoli vince il secondo scudetto. Era in prossimità dei Mondiali dove la sua Argentina avrebbe giocato a Napoli.

La città si divise in due, una parte amava Maradona ma tifava per l'Italia. Un'altra parte, che amava esclusviamente Maradona e la maglia del Napoli, decise di tifare per L'argentina.

Fu Napoli-Milan, una sorta di rivincita perchè il Milan l'anno prima strappò lo scudetto al Napoli, invece l'anno successivo successe il contrario.

ll contrasto con Gaetano Scirea, calciatore stimato da chiunque, purtroppo scomparso prematuramente